Persone su un’isola

Ho letto “L’isola dei segreti” un mesetto fa, quindi al riguardo ho una memoria abbastanza fresca! L’autrice è Scarlett Thomas.


La prima impressione che si ha leggendo il libro forse è quella della confusione: i 6 protagonisti vengono presentati uno dopo l’altro e quindi quando ce li ritroviamo tutti insieme, sull’isola appunto, si deve richiamare alla memoria chi è chi e cosa ha fatto e per cosa si caratterizza. Lo stile è molto fresco e diretto, senza fronzoli, anche abbastanza comune: il tutto rende la lettura molto molto scorrevole. Forse anche per questo, essendo dedicate, in fin dei conti, sei pagine in media a testa per ogni protagonista, alla fine si rischia di far confusione! Continuando a leggere di loro, e vivendo con loro, impariamo a conoscelie, riusciamo ad entrare quasi in sintonia con loro. Sintonia nel senso che le loro reazioni non sono poi tanto inaspettate: impariamo a conoscerli.
Il romanzo racconta di questi sei ragazzi, giudicati “giovani menti brillanti”, che vengono portati su un’isola segreta. Portati come? In elicottero.  Come li han fatti salire sull’elicottero? Drogandoli. Tutti e sei rispondono ad un annuncio di lavoro, che ricercava appunto “giovani menti brillanti”. Al colloquio a cui partecipano, che fanno tutti nello stesso giorno e con la stessa persona, offrono loro un caffè. Così i sei assumono una droga che li fa addormentare ed è così che il rapitore ha l’opportunità di condurli sull’isola. A che fine? Forse un esperimento? Forse il rapitore è un maniaco? Tutte domande che anche i ragazzi si fanno, tra la paura di non sapere dove e perchè si trovano lì e la pace confortevole di quell’isola deserta che presenta tutto ciò di cui han bisogno, a fronte di una vita poco piacevole, per un motivo o per l’altro.
Infatti saranno traumatizzati, rilassati, schietti .. insomma non manca nulla al ventaglio umano! I sei ragazzi sono persone comuni, in fin dei conti: seppure delle menti brillanti perchè eccellono in qualcosa, hanno avuto le esperienze che abbiamo tutti, presentano caratteristiche che ognuno di noi, anche se non ha, ha almeno incontrato una volta nela vita.
Forse anche il finale sarà condiviso da molti, ma ad alcuni non piacerà ed alcuni rimarranno alquanto indifferenti. Un finale abbastanza “classico”, a cui però non ci si pensa fino alla fine!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...