I viaggi di Gulliver tra critica e racconto fiabesco

I viaggi di Gulliver

Accingiamoci alla lettura di questo famoso romanzo

Una riflessione introduttiva al romanzo I viaggi di Gulliver è dovuta. Dobbiamo dire che, come ci si accorgerà nel corso della disamina e nel corso della lettura, l’intento dell’autore è fortemente polemico. Si rivolge alla società, inglese ed europea, e alla cultura del tempo.

La bizzarria delle avventure vissute da Gulliver, a cui aggiungerei le numerose trasposizioni cinematografiche, ha fatto sì che la grandezza e la portata polemico/satirica del romanzo passassero in secondo piano, facendo del romanzo un’opera di intrattenimento e destinata al pubblico giovane. Ma così non è. Come potrebbe un pubblico giovane, privo della giusta formazione, apprezzare la portata ironica del racconto? Come abbiamo già mostrato, c’è qualcosa di più.

Il romanzo quindi non ha solo funzione di intrattenimento, ma anche altre funzioni, vuoi morale, vuoi di denuncia. Questo mi fa pensare alla fiaba: se definiamo il romanzo come una fiaba per adulti (innanzitutto perché produzione in prosa venuta prima del romanzo,) allora dobbiamo anche pensare che la fiaba potesse avere altre funzioni oltre quelle di intrattenimento ed educazione dei più piccoli. Le fiabe a cui mi viene da pensare non sono quelle dei fratelli Grimm, ma quelle di Perrault. Questo autore del Seicento aveva sì scritto delle fiabe per l’intrattenimento della corte del re di Francia, ma allo stesso tempo voleva creare dei racconti che fossero di denuncia. Infatti la ricchezza dei personaggi e i modi di fare di questi, ricordano molto gli esseri umani. Attraverso questi racconti quindi Perrault voleva tramandare dei messaggi, proprio come Swift attraverso la sua opera.

cenerentola, charles perrult, fiabaUn’altra similitudine tra Perrault e Swift sta nel non tirarsi indietro nel descrivere anche scene macabre o parlare di cose poco piacevoli. Forse in Swift c’è una maggiore descrizione di tutto questo, forse rivolta a sottolineare e tenere sempre presente la caducità, l’essere fisiologico dell’uomo, e l’impossibilità di non poter fare  meno di scendere a patti con l’aspetto più umano e fisico, anche quando spinti dai pensieri più elevati. C’è sempre bisogno di un confronto in pratica. In Perrault sono descritte scene macabre (vedi le sorelle di Cenerentola che si tagliano parti del piede per farsi entrare le scarpette) ma non si parla anche di feci, olezzi vari ecc. perché non erano cose da raccontare a corte probabilmente.

Parte prima – Viaggio a Lilliput

Capitolo primo

Veniamo all’osservazione dettagliata dei vari capitoli. All’inizio del primo capitolo ci viene presentato il protagonista: Gulliver, un viaggiatore nell’animo (come vedremo) e per professione chirurgo. La sua formazione è stata tutta segnata dallo studio della medicina, assistendo anche un famoso medico del tempo. Il protagonista quindi è un appartenente alla fiorente borghesia e nel corso del romanzo si vedrà che si dimostrerà tale in diverse occasioni: mostrerà il suo valore in alcune circostanze e il suo giudizio in altre. Nell’introduzione, rappresentata da una lettera dell’autore all’editore, ritroviamo un atteggiamento un po’ saccente e molto critico, ma anche l’avverimento che sono stati fatti degli errori e quindi i fatti narrati assumono una dimensione fiabesca. Le date ci sono, ma sono sbagliate e quindi il lettore è già avvertito della natura metaforica del racconto, più che della sua autenticità.

Nel corso del capitolo primo conosceremo anche gli ambitanti, i piccoli abitanti, di Lilliput, ma non addentriamoci ora nella disamina di questa società. Verrà condotta più avanti, insieme al secondo capitolo.

i viaggi di gulliver, lilliput, lillipuziani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...