I viaggi di Gulliver: parte prima, capitoli 5 e 6

Nei capitoli uno e due Gulliver è entrato in contatto con la società lillipuziana. Nel capitolo terzo e nel capitolo quarto ci ha un po’ descritto questa società e soprattutto la sua vita politica, non facendo altro che metterla in ridicolo! Che fa nei capitoli 5 e 6?

palazzo imperiale

Parte prima – Viaggio a Lilliput

Capitolo 5

Già nel capitolo precedente eravamo venuti a sapere che il regno di Lilliput è in lotta con il regno vicino, anche questo guidato da un imperatore. E il primo pensiero a tal proposito è stato “Possibile che ci siano due imperi così vicini?”… sembra la situazione dell’impero Romano dell’est e l’impero Romano dell’ovest. (Non ci viene raccontato però di come siano nati i due imperi, quindi posso andare solo allo sbaraglio). I due imperi sono in lotta e stanno per affrontarsi. E chi è che propone una soluzione vincente? Ovviamente lui, il borghese, che sfrutta i vantaggi della sua condizione, quella di essere un gigante, per metterli a suo favore e a favore del regno che lo ospita. Swift non si risparmia nel descriverci in che modo l’Autore (così è chiamato Gulliver) riesca ad avere la meglio sull’esercito nemico. Non è incredibile? Lo stesso avviene per un “problema” interno al regno: il palazzo reale, nella parte degli edifici ad uso dell’imperatrice, sta andando a fuoco. Sarà il borghese, di nuovo, a risolvere anche questo problema, più “domestico”, sempre sfruttando i vantaggi della sua statura. Due episodi raccontati nello stesso capitolo che non hanno apparente legame tra loro: non sembra anche a voi che l’unico intento fosse quello di mettere in risalto le doti intellettuali e d’ingegno dell’Autore? E sapete come ha spento le fiamme? Urinando sopra gi appartamenti imperiali, già… sembra un voler ribadire la superiorità della società da cui proviene Gulliver rispetto a quella rappresentata dai lillipuziani.  Urinare sopra qualcosa infatti è segno di attribuire poco valore a quel qualcosa. Magari voleva essere solo un episodio divertente? Scusate ma ci sono troppi significati nascosti in quest’opera per non attribuire un significato anche all’urinare sulle fiamme che divampano nel palazzo imperiale! E comunque prima che accada questo episodio, l’Autore fa un commento che mette in luce la volubilità dell’imperatore e quindi, a parer mio, indirettamente anche varie forme di governo e società. Le parole sono “Di così poco peso diventano i massimi servigi resi ai principi quando nell’altro piatto della bilancia si mette un rifiuto a soddisfare le loro passioni!”.

Capitolo 6

Nel capitolo sesto finalmente è detto qualcosa di buono su questa società. Non mancano le critiche certo, ma alcune cose sono apprezzate e l’accostamento con l’antichità continua.

terra piatta

  • Innanzitutto abbiamo il pensare, da parte dei lillipuziani, che la Terra sia piatta, e se non è un sottolineare l’arretratezza/l’antichità di questa popolazione ditemi voi cos’è: questa supposizione è rafforzata dal fatto che nelle società a seguire non verranno più riferite certe cose, il che è sintomo del fatto che Swift usa Lilliput per mostrarci alcuni aspetti negativi delle società, che si possono ammettere in una società del passato, ma non del presente.
  • Nonostante tutto, non mancano barlumi di saggezza in queste società, relativi alla morale cittadino di una persona, che deve essere molto alta e conforme al bene dello Stato.
  • L’organizzazione sociale e l’educazione dei bambini mi ha fatto pensare alla Repubblica di Platone, nello specifico a quel puno in cui si dice che ognuno nasce in una determinata fascia della società e se il suo animo è conforme a quella fascia, è lì che deve proseguire la sua formazione.
  • Alla fine del capitolo, nonostante le parole positive e qualche annotazione di merito, non poteva mancare la valutazione negativa: Lilliput è usato come regno d’esempio per criticare ciò che può accadere anche in uno dei regni d’Europa, di cui forse Swift aveva già avuto esempio, e cioè il fatto che alla corte dei re ci siano persone troppo influenti ma che non dovrebbero essere tali. Il capo di uno stato non può farsi influenzare dalle voglie/passioni/desideri passeggeri di uno dei suoi cortigiani.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...